martedì 29 dicembre 2009

Ravioli di pesce San Pietro aromatizzati con sale di "Cervia" alle erbe e conditi con un sugo di gamberi e fagiolini

Per i ravioli 250 gr di farina.
2 uova
Un pizzico di sale.
Preparate la pasta setacciando la farina, disporla a fontana sopra una spianatoia  emetterci al centro le uova e il pizzico di sale. Impastare fino ad ottenere una pasta liscia e omogenea. Farla riposare per circa mezz'ora avvolta in una pellicola trasparente. Nel frattempo preparate il ripieno. Sfilettate il pesce e tagliatelo a dadini piccolissimi, stendetelo lungo un tagliere e metteteci sopra il sale di cervia alle erbe aromatiche insieme ad un filo d'olio. Stendete ora la pasta in una sfoglia molto sottile e dividedela in due. Distribuite sopra il pesce facendo dei piccoli mucchietti della dimensione di una nocciola alla distanza di circa 2 cm. Coprite con l'altra meta della pasta  premendo con le punta delle dita, tagliate con una rondella i ravioli.
Per il sugo:
1 Kg  di gamberetti
250 gr di fagiolini
4 pomodiorini del pendolo
olio exv
uno spicchio d'aglio
sale e pepe qb
In una padella soffrigete lo spicchio d'aglio fino ad imbiondirsi, toglietelo e metteci i gamberetti puliti (ma non gettate i gusci) insieme ai pomodori tagliati a spicchi salate  pepate e lasciate cucinare fino a cottura dei gamberetti. A parte preparate un fumetto con il carapace mettendo tutto dentro un pentolino con dell'acqua per circa 10 min.
riaccendete la fiamma sotto la padella dei gamberi unitevi i fagiolini lessati e mezzo bicchiere di fumetto, lasciare cuocere fino a quando il sughetto non si restringe (deve sembrare una crema).
A parte cuocete i ravioli e una volta scolati uniteli al sugo amalgamate bene saltando e servite su un piatto di portata, finite con un filo d'olio a crudo e un pizzico di sale di cervia aromatizzato.
Scusate per la qualità delle foto.

lunedì 28 dicembre 2009

Semplici e gustosi "Ricotta fresca affumicata con strisce di prosciutto crudo della foresta nera"

Procuratevi le ricottine fresce affumicate in base alle vostre esigenze, avvolgeteli con delle fette di prosciutto crudo della foresta nera o dello speck igp e gustate il risultato.

sabato 26 dicembre 2009

Cozze gratinate

Certo la presentazione non è quella che volevo a causa della rottura della mia digitale per questo mi limiterò solamente a postare una sola foto e la ricetta per questo antipasto. Ingredienti: 1 kg di cozze pulite
180 gr di pangrattato.
1 cucchiaio di parmiggiano grattugiato.
Un grosso ciuffo di prezzemolo.
1 spicchio d'aglio.
1 pezzetto di peperoncino rosso.
1 dl di olio exv, sale, pepe macinato fresco
 Lavate le cozze sotto l'acqua, quindi poneteli in una larga casseruola, incoperchiate  il recipiente  e sistematelo sul fuoco vivace lasciando aprire le cozze, durante la cottura fate una macinata di pepe.
Togliete ai mitili il mezzo guscio vuoto, conservando un pò d'acqua di cottura  e disponeteli in una teglia. Lavate  mondate e tritate finemente il prezzemolo insieme all'aglio e al peperoncino. Accendete il forno e portatelo a 200°C.
Fate tostare il pangrattato con un pò d'olio e toglietelo dal fuoco. Unitevi il parmiggiano, il trito di aglio, prezzemolo e peperoncino, il rimanente olio e un pò d'acqua di cottura delle cozze. Amalgamate bene.
Distribuite il miscuglio cosi ottenuto sulle cozze e passate il recipiente nel forno caldo per qualche minuto, finchè il ripieno non sarà gratinato, servire subito.
Piccolo consiglio, nella casseruola contenente le cozze da aprire, potete aggiungere un bicchiere di vino bianco secco e qualche foglia di erba profumata in modo che il liquido di cottura risulti più saporito. 

Spiedini di gamberi e zucchine.




16 code di gamberoni
4 zucchine piccole
1 limone
1 cucchiaio di vermouth o whishy
olio exv sale e pepe
Sgusciate i gamberoni ancora crudi, metteteli in una terrina con una macinata di pepe, il vermouth e 2 cucchiai di succo di limone, coprite e lasciate insaporire per circa 30 min.
Lavate e spuntate le zucchine, tagliatele ognuna in tre pezzi verticali e scottateli in poca acqua bollente per 4 min. Scolateli e asciugateli.Infilate negli spiedini i pezzi di zucchina alternati ai gamberoni. Scaldate 2 cucchiai di olio in una padella , mettetevi gli spiedini e cuoceteli 2 min per parte, bagnateli con la marinata in cui avete insaporito i gamberi, lasciate evaporare e toglieteli dal fuoco. Salate e pepate gli spiedini a piacere serviteli freddi o caldi.

Aspettando "BABBO NATALE"

Per fare felici i bambini alcune volte non bastano i regali, ma regalare la gioia di vedere arrivare dentro casa Babbo Natale...Quello si!!!


sabato 19 dicembre 2009

Cartoline, da Reggio Calabria "L'arena" sfondo "Etna" innevato.


Un primo piatto interessante la "Zuppa provenzale"

Ingredienti per 4 persone: 1Kg di pesce bianco (Nasello, dentice, orata) 1 dozzina di scampi taglio grande, 500gr di cozze, 750gr di patate, 1 porro, 1 cipolla, 5 pomodori, 2 spicchi d'aglio, sale, pepe, 1 ciuffo di prezzemolo, 1 rametto di finocchio selvatico, 1 foglia d'alloro, la scorza di un limone, olio exv, pane casareccio. Poi per la salsa 2 spicchi d'aglio, 2 peperoncini rossi, 3 cucchiai di olio exv, 1 pugno di pane raffermo.
Procedimento.
Lavate e tritate il porro, la cipolla e i pomodori. Lavate e affettate le patate. Pulite il pesce e tagliatelo a pezzi uguali. fate ammollare il pane raffermo in poca acqua.
Ponete le verdure in un tegame di terracotta insieme al pesce. salate pepate e profumate con le erbe aromatiche e con la scoeza di limone. Coprite il tutto con acqua bollente e ponete sul fuoco vivace per 30min. Dopo 15mnin aggiungete gli scampi. Nel frattempo fate aprire in una casseruola , su fuoco vivace le cozze ben lavate. A fine cottura aggiungetele alla zuppa.
Preparate la salsa: togliete dall'acqua  il pane, strizzatelo, pestatelo in un mortaio insieme all'aglio e il peperoncino. Aggiungete 3 cucchiai di olio exv. Mescolate, unitevi un bicchiere del brodo di cottura del pesce, ben caldo, deve risultare una poltiglia abbastanza liquida.
Servita la zuppa con fette di pane casareccio unte con olio e pepate. A parte servite la salsa.
Consiglio un a Vernaccia di San Gimigliano.

lunedì 14 dicembre 2009

Spaghetti lunghi con "arselle" e, un Hubbard da Grammy...




Ricettina fotopostata, spaghetti lunghi con arselle o vongole. Semplice tutti li cuciniamo, ma di mano in mano hanno un sapore diverso. Per 4 persone bastano 350gr di spaghetti lunghi Garofalo n°8-25, 1kg di arselle, 5 pomodorini del pendolo o ciliegino, prezzemolo, 2 spicchi d'aglio, olio exv, sale e pepe qb.

Fate spurgare le arselle in acqua e sale almeno per un'ora, dopo di che lavateli facedo scorrere l'acqua. In una padella fate imbiondire due spicchi d'aglio in un pò d'olio circa tre cucchiai, non appena imbiondito toglietelo.
Tenete la fiamma alta e versate le arselle, pepate subito e chiudete con un coperchio fino a quando non incominciano ad aprirsi.
Nel frattempo private dai semi i pomodorini e tagliateli in 4, tritate il prezzemolo.

Aggiungete i pomodorini  il prezzemolo tritato e salate leggermente,  richiudete col coperchio fino a cottura ultimata, circa 10 min ancora dopo l'aggiunta dei pomodorini, a questo punto tutti i frutti di mare dovrebbero essere aperti e sul fondo della padella ci dovrebbe essere un bel sughetto. Eliminate quelle non aperte.
Cuocete gli spaghetti al dente in abbondante acqua salata, (procuratevi una pentola adatta per la lunghezza degli spaghetti, o man mano che assorbono acqua spingeteli verso il fondo senza romperli) non appena pronti scolateli e versateli dentro la padella amalgamate e saltate.
Disponete gli spaghetti in un piatto di portata decorando con qualche foglia di prezzemolo un filino di olio a crudo e una macinata di pepe fresco.
Vi dovrebbe venire all'incirca un piatto cosi.

Cartolina, "Lecce"


sabato 12 dicembre 2009

Filetto di pesce San Pietro con indivia al peperoncino.

Ingredienti: Indivia belga, filetto di pesce San Pietro, olio exv, sale, pepe e peperoncino.
Togliete il torsolo e le foglie esterne all'indivia e tagliatela in quattro nel senso della lunghezza.
Disponete l'indivia in una padella con poco olio aggiungete un pizzico di sale e un pò di peperoncino, chiudete con un coperchio e continuate la cottura a fiamma bassa, l'indivia si cuocerà col vapore stesso. Nel frattenpo sfilettate il pesce e privatelo anche della pelle esterna, tagliatelo in due e non appena l'indivia sarà appassita disponeteci sopra i filetti, richiudete col coperchio e continuate la cottura per altri cinque minuti. Non appena il pesce sarà pronto disponete il tutto in un piatto di portata, condite solo con un pò d'olio a crudo. 

martedì 8 dicembre 2009

8/12/2009 "LE CRESPELLE"

Una pietanza tradizionale che non può mancare sulle nostre tavole, nè in questo giorno nè alla vigilia di Natale, le "crespelle" fatte con sola farina lievito e sale. L'importante è consumarle caldissime.







Ho messo la farina in un recipiente capace ed ho aggiunto il lievito sciolto in acqua calda e il sale, poi ho proceduto ad impastare energicamente incorporando aria fino ad ottenere una pastella appiccicosa ma ben impastata e senza grumi.


Nel frattempo che l'impasto coperto da un panno di lana lieviti su un fornello ho messo una padella con due lt di olio di semi di arachide





Ho proceduto alla preparazione anche del ripieno, alici, pomodori secchi e ricotta.
Si può anche mettere baccalà fritto patate o nutella.




Appena la pastella è lievitata con solo due dita per mano ho formato delle noci e ho inserito il ripieno.









I primi risultati.
In team.







Con zucchero spolverato a sx e pomodori secchi a dx






Con ricotta mentre friggono.











Con alici.


















Fatto...!!!! L'albero di...Edoardo.

Più chè l'addobbo per l'albero di Natale mi sembra un trasloco... Ma alla fine ci siamo riusciti anche quest'anno.






Ti potrebbero interessare...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...