martedì 21 febbraio 2012

Pitta...Contest...e WHB#322


Buondì a tutti. 
Oggi un post minuto, giusto per non abbandonare del tutto il blog, è un momento molto particolare questo per me. Dopo una breve parentesi triste bisogna ricominciare, piano piano ma si deve e non intendo solo qui, ma anche nella quotidianetà. Passo direttamente alla ricetta. Semplice ispirata alla pitta di alici Calabrese ma in questo caso con carciofi,(prima privati dalle foglie più esterne e più dure, puliti, messi in acqua e limone e poi lessati tagliati per metà, poi ulteriormente tagliati, ma non sbriciolati) stesso metodo e in più e a parte le alici e il pane ovviamente a ogni strato ho aggiunto del caciocavallo e dei salumi. Quindi procedete allo stesso modo e avrete questo risultato...ovviamente fritta è molto più saporita di quella al forno, poi son gusti, giusto?
Vi posso assicurare che gusterete una vera delizia.
Sto preparando un contest, "UN COCCIO AL MESE PER DODICI MESI"
praticamente inviando le vostre ricette (pubblicherò la prossima settimana il regolamento) avete la possibilità di vincere un coccio ogni mese, sono i cocci che vedete nella foto, sono di manifattura artigianale, cioè fatti a mano e ricalcano quelli antichi usati nelle nostre case per cucinare zuppe stufati o venivano usati anche per conservare la carne di maiale salata. Ovviamente ci saranno dei giudici. Per le ricette vi vado anticipando che devono essere solo salate (primi, secondi, zuppe o torte salate), niente dolci. Ci farà piacere se la ricetta che presenterete è ispirata per un'eventuale cottura nel tegame di terracotta. Quindi vi aspetto in tanti con le vostre proposte. 

Con questa ricetta partecipo alla raccolta settimanale del WHB
dal 20 Febbraio  al 26 Febbraio 2012
e links:
se non avete un blog potete participare lo stesso,
ma vi chiedo di allegare una foto di quello
che scrivete.altre indicazioni qui 
spedite la vostra mail a:FRAGOLIVA@GMAIL.COM
Bene adesso vi saluto e come sempre vi ringrazio per tutto...devo superare questo momento un pò difficile e poi sarò nuovamente con voi più presente...ciao.

venerdì 10 febbraio 2012

E pacchero fu!!!



Buongiorno a tutti e buon venerdì, come state? Io nel casino più totale, ci sono mesi che a momenti ci si annoia pe ril poco lavoro e ci sono mesi invece come questo periodo che non c'è un'attimo di tregua. Ma si!!! passerà. Mi dispiace che non riesco a passare nei vostri blog e mi dispiace perdere tante vostre proposte interessanti.
Passo alla ricetta. pacchero sfizioso al sapore e profumo del mare.
Occorrono:
Paccheri (io Gigantoni Garofalo).
Pane raffermo per panura, la mia fatta da pane alla 'nduja e olive verdi.
Mix di vongole, cozze, gamberi, fasolari, anelli di calamari, seppioline.
Aglio 2 spicchi.
2 San Marzano pelati
Sale e pepe qb.
Olio exv qb. 
Incominciate a mettere sul fuoco una padella, imbiondite gli spicchi d'aglio in qualche cucchiaio d'olio exv, schiacciandoli un pò e non appena si saranno imbionditi toglieteli e metteteli da parte. Versate nella padella il mix di pesce, tranne le cozze i fasolari e le vongole. Dopo 10 minuti versate il rimante compresi i pomodori spezzettati, alzate la fiamma, incoperchiate e quando le cozze i fasolari e le vongole si saranno aperte abbassate la fiamma e cucinate ancora a fuoco basso per altri 10 minuti. Se vi sembra che i gamberi vanno oltre la cottura, toglieteli e li aggiungerete in ultimo. assaggiate il sughetto e aggiustatelo di sale e pepe. Spegnete la fiamma e passate alla panura.
Staccate con le mani la mollica dal pane e con le mani stesse sbriciolatela in una bolla.
 Prendete a piacere del pesce dal sughetto e inseritelo nella panura.
Con una  forbice da cucina tagliuzzate il tutto. Inumidite se è necessario con un pò di sughetto 
Adesso versate i paccheri in acqua salata e che precedentemente avete portato a ebollizione.
Scolateli piuttosto al dente.
Inserite la panura in ogni pacchero, comprimendola leggermente.
Prendere i paccheri ripieni e versateli nella padella con il sugheto.
Saltate e amalgamate bene...impiattate a piacere.
Potete anche usare dei paccheri non ripieni, nel mio caso perchè il cucciolo li gradisce senza ripieno.
Un buon w.e a tutti e spero di essere presente in questo fine settimana nei vostri blog.
Grazie.
E con questa ricetta partecipo alla raccolta settimanale del WHB#320
e links:
se non avete un blog potete participare lo stesso,
ma vi chiedo di allegare una foto di quello
che scrivete.altre indicazioni qui
spedite la vostra mail a:
Briiblog@gmail.com

sabato 4 febbraio 2012

Pane fatto in casa.



Prometto che la prossima volta che farò questo pane o qualcosa di simile che non sia un fatto con normale impasto mi segnerò tutto, anche le bollicine di effervescente che ci metterò. Questo è il pane che ho usato per fare la panura della Pitta di alici, un pane senza lievito e impastato con farina "00" (Molino Chiavazza) un pò di manitoba, sale acqua effervescente (circa una bottiglietta da 50cl) e latte spremuto dalle mozzarelle di bufala Campana dop.


Lasciato molto liquido nella bolla dove l'ho impastato per 20 ore circa, il giorno dopo ho solo aggiunto della farina, ma pochissima, giusto per avere la consistenza di modellarlo, cosa che mi è riuscita anche male... 




Male perchè l'impasto si è omogeneo, però molto molle, ma va lasciato così, altrimenti non gonfia.


Infornato e sfornato...






Ovviamente qualche pezzo lo abbiamo consumato subito, caldo caldo...


Un simil impasto è stato anche per questa pizza...molto soffice.
Bene un buon week end a tutti, un grazie per le vostre gradite visite e per i vostri commenti. Oggi per me relax sulla neve...ma dovrò spostarmi in montagna. 
Alla prossima ricetta qui.

Ti potrebbero interessare...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...